mercoledì, aprile 30, 2008

Buonanotte Roma


Ecco una simpatica ed evocativa (non ricordo bene di cosa... ) immagine dei fan festanti sulle scalinate del Campidoglio (no, dico, del CAMPIDOGLIO!) per il nuovo potestà di Roma appena eletto: Gianni Alemanno.

Con l'aiuto di Wikipedia, che sospetto sempre più controllata dai giudici Comunisti, vorrei sottolineare alcuni interessanti episodi della vita del neo-sindaco, dei quali, forse per modestia, lui non fa mai menzione.

"Laureato in ingegneria per l'ambiente e il territorio nel 2004, ( cioè, alla tenera età di 44 anni! Me cojoni!) è giornalista pubblicista (si e magari anche libero professionista, promoter, PR e qualche altra professione X)."(...)

"Sul finire del periodo turbolento degli anni di piombo, venne fermato nel novembre 1981 per aver partecipato insieme ad altri quattro componenti del Fronte della Gioventù all’aggressione di uno studente di 23 anni. Venne poi prosciolto. (Ansa, 20/11/1981)"

"Nel 1982 fu arrestato con l'accusa di aver lanciato una molotov contro l’ambasciata dell’Unione Sovietica a Roma, scontando 8 mesi di carcere a Rebibbia, ma poi venne prosciolto per non aver commesso il fatto.[1] (Ansa, 15/05/1988)"(...)

"Il 29 maggio 1989 viene arrestato a Nettuno (ma subito scarcerato) per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, manifestazione non autorizzata, e tentato blocco di corteo ufficiale, in occasione della visita del Presidente degli Stati Uniti d'America, George H. W. Bush, al cimitero di guerra americano. È stato poi prosciolto da ogni accusa.[1] [2](Ansa 29 e 30/05/1989)
Il 13 giugno 1991 Umberto Bossi partecipa a una manifestazione della Lega Sud in Sicilia a Catania e viene aspramente contestato dal Fronte della Gioventù guidato proprio da Alemanno (sempre alla faccia della coerenza...) (ANSA 13.6.1991)" ecc...

Certamente il nuovo sindaco contribuirà a cambiare la vecchia e folcloristica immagine che Roma mostra al mondo da questa

ad una più "dinamica e moderna" come questa


Comunque sia, anche io voglio rendere omaggio al nuovo duce della Capitale con un'immagine dell' idolo e modello del piccolo gerarca. Ritratto insieme al suo staff, anch'egli è festante e pieno di giubilo, tanto da non avere solamente un braccio proteso nel gesto nel saluto romano ma addirittura entrambe le braccia alzate di fronte al popolo che lo acclama in un noto Piazzale di Milano!

Opss... forse ho girato la foto al contrario...
Ma forse e meglio così!




2 commenti:

CapitanCarlo ha detto...

Ahahahahah! Bel post! Grande il finale...

Alfeo ha detto...

La foto finale è di pessimo gusto, una pagina triste della storia italiana, epilogo di molte altre pagine tristi.
Ci trovo poco da ridere francamente e mi sfugge dove è che sta la differenza tra te e i fascisti che denigri.

Una bestia rimane sempre una bestia, che sia dipinta di rosso o di nero, chi non ha rispetto della dignità umana cerca nelle bandiere e negli ideali sono una scusa per brutalizzare il prossimo.